Écoles

Il consumo alimentare attraverso le culture

back to top
Écoles

Il consumo alimentare attraverso le culture

Le allieve e gli allievi si confrontano con le abitudini di consumo diffuse in altri paesi e le paragonano alle loro.

Pianificazione dell’insegnamento

Tempo necessario: circa 2 lezioni

Che cosa influisce sul consumo (45 min)

Per introdurre il tema, l’insegnante divide la classe in gruppi di 3 o 4. Ad ogni gruppo assegna la fotografia di una famiglia (su supporto digitale o stampata in un formato A4/A3) ritratta con il cibo che consuma. Le allieve e gli allievi discutono in gruppo concentrandosi sulle domande seguenti:

  • Quante persone conta questa famiglia?
  • Che tipo di alimenti consuma? Che cosa vi colpisce particolarmente? Quali alimenti conoscete, quali non conoscete?
  • In che paese vive questa famiglia? Da che cosa lo deducete?
A seconda del paese, la spesa settimanale può essere anche molto diversa.

A seconda del paese, la spesa settimanale può essere anche molto diversa.

Storie di famiglia

Compito: ogni gruppo prende appunti sulla fotografia che gli è stata assegnata. In seguito la presenta al resto della classe, spiegando quali sono state le prime sue impressioni e argomentando le diverse ipotesi emesse. Le foto possono essere stampate e fissate alla lavagna o disposte su un tavolo; possono anche essere proiettate.
Una possibile selezione di 6 immagini:

In seguito la classe lavora sui fattori più importanti che sembrano influire sul consumo alimentare delle diverse famiglie ritratte nelle fotografie, che vengono annotati alla lavagna. L’insegnante aggiunge una domanda supplementare sulla quale riflettere: che cosa pensate possa influire sulle decisioni prese da questa famiglia in merito al suo consumo alimentare? Le allieve e gli allievi rispondono in modo spontaneo e l’insegnante prende nota alla lavagna, con parole chiave. Poi le parole chiave possono essere raggruppate secondo la seguente griglia, ad esempio:

Contesto dell’acquisto

Caratteristiche dei prodotti

Disponibilità del prodotto sul posto (provenienza)

Prezzo

Stagione

Qualità

Tipo di commercio che mette in vendita il prodotto

Sapore

Gamma di prodotti disponibili

Aspetto / Freschezza

Meteorologia / Clima

Salute

Periodo

Quantità o dimensioni

Azioni promozionali

Conservabilità

Acquisto spontaneo o pianificato

Aspetto della confezione / Pubblicità

Presentazione del prodotto

Tipo di produzione (all’aperto, ecologica)

Cibi già pronti (già molto lavorati, non richiedono più alcun intervento, o solo rapido, prima di essere consumati)

Fattori culturali e sociali

Fattori personali

Valori e norme culturali o sociali

Preferenze

Tradizioni culinarie

Abitudini

Stile di vita

Atteggiamenti e credenze personali
(ambiente, salute, religione e così via)

Reddito

Obiettivi e aspettative

Formazione

Esperienze

Famiglia

Età

Allergie / Intolleranze

Così fanno la spesa le persone tra 16 e 30 anni

Per la discussione, le allieve e gli allievi sono invitati a riflettere sui risultati di un sondaggio condotto tra giovani adulte e adulti (da 18 a 30 anni) in merito al loro modo di fare la spesa.

La domanda che è stata posta è: in che misura presti attenzione ai seguenti criteri quando fai la spesa? Risposta: cerco alimenti…

Fonte: Sondaggio Swissmilk, 2021

Fonte: Sondaggio Swissmilk, 2021

Anche l’occhio vuole la sua parte

Anche l’occhio vuole la sua parte

Che tipo di consumatrice o di consumatore sono? (30 min)

Dopo aver esaminato in che modo si organizza il consumo alimentare all’interno di diverse famiglie, ora le allieve e gli allievi analizzano in modo più approfondito le loro proprie abitudini, lavorando individualmente o a coppie con la dispensa «Che tipo di consumatrice o di consumatore sono?». Rispondono alle domande che li fanno riflettere sul modo in cui acquistano cibo e cercano di capire da quali fattori si lasciano influenzare (cfr. anche i dati statistici proposti). In seguito si torna a lavorare con tutta la classe, dando voce ad alcune allieve e ad alcuni allievi, per delineare un quadro generale e per discutere delle eventuali tendenze che sembrano emergere.

In chiusura viene assegnato il compito di documentare i propri acquisti di cibo sull’arco di una settimana. Le allieve e gli allievi sono invitati a scattare foto della spesa settimanale fatta dalla loro famiglia o, in alternativa, di un pranzo o di una cena tipici di casa loro. In classe portano le foto stampate su carta o in formato digitale. Le immagini vengono osservate e commentate e ognuno spiega brevemente alla classe i suoi acquisiti e da che cosa sono stati dettati. È molto importante che non vengano portati giudizi di valore.

Spunti per un ulteriore approfondimento

  • Le foto delle allieve e degli allievi possono essere appese in classe sotto forma di una piccola mostra fotografica dal titolo «Ecco come consuma la nostra classe».
  • In occasione di un incontro con i genitori si possono invitare le allieve e gli allievi a portare da casa una ricetta di famiglia. Oppure la classe organizza una festicciola durante la ricreazione con spuntini di sua scelta.
  • Visionare in classe il video didattico Spesa intelligente – Per non sprecare niente e annotare su un grande foglio i consigli per una spesa responsabile.
  • Discutere in classe dello spreco alimentare.
  • Fare in classe la lista di tutti i luoghi dove si può acquistare cibo. Qual è la differenza tra fare la spesa al mercatino settimanale della frutta e della verdura oppure al supermercato? Le allieve e gli allievi elencano i diversi luoghi e ne discutono i vantaggi e gli svantaggi (es. lento o rapido, produzione locale o importazione, materie prime o prodotti lavorati).